Insegnamento dell’Advaita (non dualità) di Adi Shankara

 1,708 Total Views, Today's Views 3 

Fondatore dell’Advaita Vedanta, una delle più importanti sotto-scuole della filosofia indiana vedantica, Adi Shankaracharya è elogiato come il più grande filosofo che l’India abbia prodotto Fin dalla tenera età, Adi Shankara ha viaggiato a piedi attraverso il sub continente indiano e ha condiviso la filosofia Advaita attraverso discorsi e dibattiti. Adi Shankara visse nel 700 d.C. spiegò la filosofia dell’Advaita Vedanta non dualistico e la spiegò in uno stile popolare.

Shankara è nata in un’umile famiglia di bramini a Kaladi, un villaggio nel distretto di Ernakulam del Kerala, in India, situato sulle rive del famoso fiume Periyar in Kerala. Il nome di suo padre era Sivaguru e il nome di sua madre era Aryamba. La coppia devota rimase senza figli per molti anni e pregò il Signore Shiva nel famoso tempio di Vadakkumnatha a Trichur (il nuovo nome è Thrissur) molto sinceramente per un bambino.

Come risultato delle loro ardenti preghiere, Lord Shiva apparve nel loro sogno e chiese che tipo di bambino volessero. Se volevano un figlio di breve durata, ma straordinariamente ordinario o un bambino semplice e ordinario con una lunga vita. Hanno scelto la prima opzione. Ben presto nacque loro un bambino e chiamarono il bambino Shankara. Quando aveva tre anni, perse suo padre e sua madre, vedova, Aryamba, lo allevò da sola.

Un giorno la madre di Shankara è svenuta dopo aver camminato per tre chilometri per il suo bagno quotidiano nel fiume Periyar. Sentendosi impotente, il piccolo Shankara pregò il Signore Krishna e, commosso dalle sue preghiere, Dio gli apparve e lo benedisse dicendo: “Il fiume scorrerà dove i tuoi piccoli piedi segnano il suolo”.

Il fiume prese un nuovo corso verso il luogo segnato dai piedi del bambino. Da allora, la città venne chiamata Kalady. Prima di questo evento, il villaggio si chiamava Sasalam. Shankara ha quindi installato l’idolo del Signore Krishna nel tempio attuale e ha segnato l’occasione recitando il suo famoso Ätchutha Ashtakam.

Il giovane Shankara mostrò una notevole erudizione, padroneggiando i quattro Veda all’età di otto anni. Fin dall’inizio, era attratto dalla spiritualità e dal sanyasam e voleva condurre una vita piena di significato e libera dai piaceri mondani.

Dopo aver imparato i Veda all’età di 16 anni, ha iniziato la sua ricerca della verità. Era uno dei principali fautori della verità Vedanta che “il Signore Brahma e gli uomini sono di una sola essenza e ogni individuo dovrebbe cercare di sviluppare questa visione di unità”.

I suoi insegnamenti si basano sull’unità dell’anima e del Brahman (sé), in cui il Brahman (sé) è visto come privo di attributi. Shankara ha viaggiato attraverso l’India e altre parti dell’Asia meridionale per propagare la sua filosofia attraverso discorsi e dibattiti con altri pensatori.

Un giorno avvenne un miracolo. Mentre Shankara stava facendo il bagno nel fiume, un coccodrillo prese la gamba di Shankara. Inorridito, chiamò sua madre che corse alla riva del fiume solo per vedere il suo amato figlio trascinato in acqua. La madre guardò impotente mentre l’orribile scena si svolgeva e poi Shankara disse che c’era solo un modo per convincere la bestia a liberarlo dalle sue fauci e che doveva permettergli di entrare nell’ashram di sanyasa (Rinuncia). Poiché in quel momento non c’erano alternative, sua madre acconsentì e il coccodrillo lasciò andare Shankara.

Prima di congedarsi da sua madre, Shankara le assicurò che sarebbe stato con lei nei suoi ultimi giorni e che avrebbe celebrato i riti funebri, una promessa che ha mantenuto nonostante i problemi che ha dovuto affrontare dalla sua comunità.

Per compiere il suo percorso spirituale, è partito alla ricerca di un precettore. Incontrò il suo guru, Swami Govindapada Acharya in un eremo sulle rive del fiume Narmada. Sotto la guida di Govindapada Acharya, padroneggiò lo Yoga, il Vedanta e altri sistemi e divenne un conoscitore del Brahman (sé). Shankara viaggiò in tutta l’India e incontrò i leader delle diverse scuole di pensiero.

Più tardi a Kashi (Varanasi), ha avuto una strana esperienza: quando stava per fare il bagno nel fiume Gange, un outcaste è venuto dalla direzione opposta con quattro cani e gli ha ostruito la strada. Shankara gli ordinò di allontanarsi. Con sua sorpresa, l’escortatore replicò: “O, venerabile Guru! Sei un predicatore dell’Advaita Vedanta e tuttavia fai una grande differenza tra un essere umano e un altro umano. Come può essere coerente con il tuo insegnamento dell’Advaitismo? L’Advaita è solo una teoria? “

Shankara si rese presto conto che il fuoriclasse (Chandala) non era altro che Lord Shiva, che prese questa forma per insegnargli una lezione. Immediatamente si rese conto del suo errore e si prostrò ai piedi del Signore Shiva. In quel momento Shankara compose cinque Sloka, chiamati “Manisha Panchaka”.

Ogni Sloka finisce così

“Colui che ha imparato a guardare i fenomeni alla luce dell’Advaita è il mio vero Guru, sia che sia Chandala o che sia un bramino.”

Gli insegnamenti di Shankara possono essere riassunti in mezzo verso: “Brahma Satyam Jagan Mithya Jivo Brahmaiva Na Aparah – Solo il Brahman (il sé) è reale. Ha insegnato che il Brahman supremo (il sé) è Nirguna (senza i Guna), Nirakara (senza forma), Nirvisesha (senza attributi) e Akarta (non agente). Brahman (sé) è soprattutto bisogni e desideri. Questo mondo è irreale e la Jiva o l’anima individuale non è diversa dal Brahman (Sé). L’anima è identica al Brahman (sé): questa è la quintessenza della sua filosofia.

Quando Shankaracharya decise di entrare in “samadhi”, il principale discepolo di Shankara chiese che gli elementi essenziali del suo insegnamento fossero riassunti e dati loro. Adi Shankara ha poi detto i Dasa Shloka, o dieci versi, che hanno elaborato l’onniscienza, l’onnipotenza e l’onnipresenza del Brahman – il concetto centrale dell’induismo (Sanatana Dharma).

  1. I cinque elementi non esprimono la mia vera natura; Sono immutabile e persisto per sempre.
  2. Sono al di sopra della casta e del credo. Vengo visto quando “maya” viene rimosso e non ho bisogno di concentrazione o adorazione come mostrato negli Yoga Sutra.
  3. Non ho genitori, non ho bisogno di Veda come proclamato nelle Scritture, né sacrifici, né pellegrinaggi. Sono l’eterno testimone.
  4. Tutti gli insegnamenti di varie religioni e filosofie non rivelano la mia vera natura e non sono che visioni superficiali del mio essere profondo.
  5. Pervaso l’intero universo e sono in alto, in mezzo e in basso, in tutte le direzioni.
  6. Sono incolore, senza forma, essendo la luce la mia forma.
  7. Non ho insegnanti, scritture o discepoli, né riconosco Tu o io, né l’universo e sono immutabile e la conoscenza assoluta.
  8. Non sono né sveglio, né in un sonno profondo né in sogno, ma al di sopra della coscienza con cui i tre sono associati. Tutto questo è dovuto all’ignoranza e io sono oltre.
  9. Pervaso tutto, ovunque e la realtà eterna e autoesistente. L’intero universo dipende da me e diventa nulla senza di me.
  10. Non posso essere chiamato uno, perché questo implica due, il che non lo è. Non sono né isolato né non isolato, né vuoto o pieno.

Insegnamenti di Advaita (Non – Dualità) di Adi Shankara

La realtà ultima e il dio supremo è l’imperscrutabile splendore del cuore. Lascia che la mente sia confinata nel cuore in mezzo alla ripetizione del suono “Om” dentro di te – è il Suono-Brahman. Senza realizzare “Lui” dentro di sé come “Io sono Lui”, tutto questo appare come reale, ma se realizzato, tutto questo diventa irreale. Ogni oggetto di percezione ha una realtà sottostante ed è identico a Brahman, il Signore Supremo – pura esistenza, pura coscienza. Tutto ciò che è diverso dal Sé, è irreale.

La conoscenza [Jnana] è l’unico mezzo diretto per la liberazione. I rituali non possono dissipare l’ignoranza perché sono reciprocamente contraddittori con la vera natura del sé. Il corpo, i sensi, la mente e la coscienza continuano a dipendere dalla coscienza del sé. Il sé illumina la coscienza. Chi ha realizzato questa verità suprema dimora nell’auto-beatitudine.

Non c’è guadagno maggiore, felicità superiore, conoscenza superiore del Brahman (sé). La beatitudine ininterrotta dovrebbe essere intesa come Brahman (sé). Brahma e gli altri non sono che parti di quel sé: beatitudine ininterrotta e diventano felici, ciascuno al proprio livello, possedendo un po ‘di quella beatitudine. Sat [essere] e Chit [coscienza] sono aspetti del sé e anche Ananda [beatitudine].

Qualunque cosa sia vista o udita, diversa dal Brahman (sé) non può essere reale. Solo la persona che ha l’occhio della conoscenza vede Brahman (sé) – coscienza e beatitudine – Ma la persona che non ha l’occhio della conoscenza non può vedere o realizzare il sé. Una persona cieca non può vedere il sole splendente. L’anima individuale ben istruita e realizzata è liberata da tutte le macchie e risplende da sola. Il sé è il sole della conoscenza nel firmamento del cuore che sostiene tutto.

Cos’altro è davvero l’anima individuale se non te sola. Tu, che mi chiedi “Chi sono io”, sei il Brahman stesso. Medita su ciò la cui natura è realtà, beatitudine e conoscenza e che è il testimone della coscienza, come te stesso. Comprendi con “Io sono Lui” che “Io sono quel sé interiore e immutabile, il testimone diretto, il testimone che è il più caro di tutti, l’oggetto del più alto amore”. Il sé è il testimone e il conoscitore. Beatitudine insuperabile, realtà, conoscenza ed esistenza – “quello” è definito come il Sé Supremo. Capisci che essere il Brahman.

I Veda dichiarano che l’universo ne è l’effetto. [cioè, Brahman è la causa dell’universo.] Brahman (sé) deve essere realizzato per la liberazione. Quando uno diventa liberato mentre vive, rimane tale per qualche tempo in virtù di quelle sue azioni passate che hanno determinato la sua vita presente. Successivamente ottiene la liberazione assoluta, che è di insuperabile beatitudine ed è conosciuta come la dimora suprema. Il sé è della natura della conoscenza e puro.

Il sé è eterno e reale per natura. “Io sono davvero Brahman, senza differenza, senza cambiamento e della natura della realtà, conoscenza e beatitudine.” Questo è ciò che i saggi chiamano conoscenza. L ‘”io” è privo di cambiamento. Tutto questo universo è in verità il sé [in uno dei suoi modi]. Il sé è lo Spirito informatore, il Signore Supremo, l’anima di tutti, identico a tutti.

La coscienza è una per natura. Tutte le creature sono nate da Brahman, il Sé Supremo. L’Eterno è il testimone di questi tre stati [veglia, sogno, sonno profondo], pura coscienza. La distinzione tra il sé e il non sé [corpo] non è necessaria per il saggio.

I Veda parlano di azioni passate per aiutare la comprensione degli ignoranti. Il sé che è pura esistenza e conoscenza può essere realizzato. Medita sul Brahman (sé). Samâdhi, il cui altro nome è conoscenza, è l’oblio di tutta l’attività mentale, prima rendendo il pensiero immutabile e poi identificando la coscienza con Brahman (sé). Quelle persone che non comprendono e non realizzano questa verità vivono invano e sebbene abbiano una forma umana, vivono come bestie.

Coloro che hanno realizzato questa coscienza e l’hanno realizzata, la sviluppano sempre di più e sono le persone migliori, fortunate e venerabili in tutti e tre i mondi. Una persona dovrebbe raggiungere la natura della causa mediante un’indagine diligente. Se lo fai, il “sé” assolutamente reale realizza la causa come inerente all’effetto stesso. L’uomo saggio dovrebbe meditare attentamente su se stesso, che è la natura della coscienza soggettiva. Realizzando che tutto è Brahman stesso, l’uomo saggio dovrebbe quindi dimorare nella beatitudine eterna con la mente piena dell’essenza della pura coscienza.

Nella sua breve durata di 32 anni, Adi Shankara divenne uno dei più grandi insegnanti dei Veda. L’unica arma che ha usato per questo risultato è stata la pura conoscenza e spiritualità. Adi Shankara è considerata l’incarnazione del Signore Shiva.

Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *