Perché una dieta vegetariana rigorosa è essenziale per la crescita spirituale?

 1,895 Total Views, Today's Views 4 

Vivere una vita vegetariana è una filosofia di AHIMSA, che significa gentilezza e non violenza contro tutti gli esseri viventi inclusi animali, uccelli, pesci e insetti.

Il vegetarianismo è direttamente correlato alla spiritualità. La parola sanscrita ahimsa, che significa “non fare del male”, è enfatizzata nella spiritualità. Rispetta tutti gli esseri viventi come uno e include la verità fondamentale che l’Onnipotente esiste in ogni anima vivente. L’Onnipotente ha creato questo universo, la terra e le sue creature, è naturale per noi rispettare tutta la vita piuttosto che distruggere ciò che l’Onnipotente ha creato.

Coloro che sono veramente connessi con Dio e la verità sentiranno amore per tutte le creature, grandi e piccole. Riconosceranno e trattano l’anima in tutti gli esseri viventi come uguali. La luce dell’Onnipotente esiste nell’anima di ogni essere vivente tanto nell’umile formica quanto nel potente leone. Brilla nel serpente così come nella mucca. Luccica nei pesci, così come negli uccelli. Quando guardiamo la vita attraverso gli occhi del nostro io interiore, testimoniamo la verità e l’amore anche nelle creature più umili e piccole.

Questo è uno dei motivi per cui molte persone spirituali diventano vegetariane. Sentono che Dio ci ha fornito cibo gustoso e sufficiente in molte forme diverse dalla carne e non è necessario uccidere alcuna vita per il nostro egoismo e la gratificazione del nostro senso di gustare la carne.

Anime illuminate come Ramana Maharshi e San Francesco hanno insegnato che anche gli animali hanno coscienza e un’anima, che li rende anche parte del nostro io. Se desideriamo trovare l’amore in noi stessi, allora dobbiamo amare e prenderci cura di ogni anima vivente. Ecco perché una dieta vegetariana costituisce una parte molto importante della nostra vita spirituale. Il cibo che mangiamo non ha solo effetti fisici, ma anche emotivi e mentali sulla nostra coscienza spirituale.

Se stiamo cercando di condurre una vita di non violenza e compassione, se stiamo cercando di diventare più sereni e pacifici, se stiamo cercando di calmare la nostra mente per concentrarci dentro di noi per trovare i nostri tesori spirituali, allora naturalmente vorremo seguire una dieta che comporti la non-violenza ed evitare l’uccisione di animali direttamente e indirettamente.

Il punto centrale nell’essere vegetariani è evitare di infliggere dolore e danni a questi animali poveri, gentili e indifesi. C’è così tanta crudeltà che fa vergognare milioni di esseri umani per essere qualificati come esseri umani.

Non ci possono essere argomenti in alcun modo per giustificare il dolore, il ferire e l’uccisione di vite solo perché sono in forma animale e non nella nostra forma umana. Non viviamo più nell’era primitiva della caccia al cibo e oggi abbiamo scelte e alternative. Ogni argomento a sostegno dell’uccisione e del consumo di carne è solo una scusa pietosa e patetica per soddisfare la propria gratificazione del senso del gusto e dell’ignoranza e dell’arroganza causate dall’assenza di carattere morale e spirituale in sé stessi. Quindi non possiamo portare avanti le stronzate dell’essere vegetariani contro l’essere non vegetariani.

Le persone sono spesso confuse tra moralità e spiritualità. La verità è che entrambi sono la stessa cosa. Il fondamento del carattere morale e spirituale deriva dall’essere veritieri. La verità è accettare, riconoscere, rispettare e amare ogni anima in ogni sua forma senza infliggere dolore ad alcun essere vivente, direttamente o indirettamente. Questa è la prima e l’unica verità.

Conducendo una vita di non violenza e mostrando compassione per tutte le altre anime, svilupperemo anche l’amore per il nostro io interiore e cresceremo spiritualmente. Il vegetarianismo è coerente con il condurre una vita di non violenza. Tutta la fede e le tradizioni insegnano un principio comune: non uccidere. Se assistiamo alla sofferenza di queste anime – come un pollo o un tacchino o una mucca che viene macellata per il cibo o un pesce catturato da un amo da pesca che si contorce dal dolore – qualsiasi persona con un cuore spirituale si renderà conto della sofferenza che subisce in questi violenti atti.

Ci sono quelli che possono pensare che animali, uccelli e pesci non abbiano coscienza o anima e siano fatti solo per essere mangiati. Questi idioti ignoranti porteranno su di sé tutto il cattivo karma e soffriranno in molte nascite per aver causato dolore e danni agli animali e agli uccelli indifesi. Questo è chiaramente affermato in tutti i libri sacri e da tutti i santi illuminati.

Coloro che hanno avuto successo sul sentiero spirituale sanno che il vegetarianismo aiuta nella meditazione e nel progresso spirituale. Una volta che ci rendiamo conto che la divinità vive in tutte le forme di vita sul nostro pianeta, diffonderemo pace e amore ovunque andremo.

Bhagavan Ramana Maharshi sul cibo vegetariano –

Come devoti di Aruanchala e Bhagavan Sri Ramana Mahrashi, dobbiamo comprendere e seguire chiaramente il percorso di Ramana Maharshi in materia di spiritualità. Non possiamo vivere come desideriamo, mangiare carne, andare contro gli insegnamenti di Ramana Mahrashi e poi dichiarare che siamo amanti e devoti di Aruanchala e Ramana Mahrashi.

Il punto di vista sull’essere vegetariani è esplicitamente affermato da Ramana Maharshi in varie occasioni. Alla domanda ripetuta sulla dieta giusta, Ramana Maharshi prescriveva rigorosamente il vegetarianismo. Ramana Mahrashi ha detto: “La regolamentazione della dieta, limitandola al cibo sattvico (cioè puro e vegetariano) assunto in quantità moderate è la migliore di tutte le regole di condotta e la più favorevole al sviluppo delle qualità pure e divine della mente e del cuore. Questi a loro volta aiutano nella pratica dell’auto-indagine”. Questi sono gli insegnamenti di Ramana Mahrashi.

Qui prendiamo un passaggio da “PARLA CON SRI RAMANA MAHARSHI, VOL. IO “. (p. p. 23) pubblicato dall’ashram per spiegare il punto di vista di Ramana Maharshi sul cibo vegetariano e la sua importanza nella vita spirituale.

Il passaggio citato continua con una signora occidentale di nome Mrs. Piggott che ha visitato Ramana Maharshi. Il devoto occidentale ha posto domande relative alla regolamentazione della dieta e ha chiesto che si dovrebbe fare una concessione per i devoti stranieri. Bhagavan Ramana Mahrashi ha rifiutato di fare qualsiasi compromesso o concessione riguardo al cibo vegetariano.

Ecco i colloqui tra Ramana Maharshi e la signora Piggot –

Sig.ra Piggott – Devota: quale dieta è prescritta per un sadhak (colui che è impegnato in pratiche spirituali)?

Ramana Maharshi: cibo satvico in quantità limitate.

Sig.ra Piggott – Devota: Cos’è il cibo satvico?

Ramana Maharshi : Pane, frutta, verdura, latte, ecc.

Sig.ra Piggott –Devota: Alcune persone pescano nel nord dell’India. Si può fare?

Nessuna risposta è stata data dal Maharshi.

Sig.ra Piggott – Devota: Noi europei siamo abituati a una dieta particolare; il cambio di dieta influisce sulla salute e indebolisce la mente. Non è necessario mantenere la salute fisica?

Ramana Maharshi: Abbastanza necessario. Più debole è il corpo, più forte diventa la mente.

Sig.ra Piggott – Devota: In assenza della nostra dieta abituale la nostra salute ne risente e la mente perde forza.

Ramana Maharshi: Cosa intendi per forza d’animo?

Mrs. Piggott – Devota: Il potere di eliminare l’attaccamento mondano.

Ramana Maharshi: La qualità del cibo influenza la mente. La mente si nutre del cibo consumato.

Sig.ra Piggott –Devota: Davvero! Come possono gli europei adattarsi solo al cibo satvico?

Ramana Maharshi: (Indicando un altro devoto occidentale, il Sig. Evans-Wentz) Hai preso il nostro cibo. Ti senti a disagio per questo motivo?

Sig. Evans-Wentz: No. Perché ci sono abituato.

Sig.ra Piggott –Devota: E quelli che non sono così abituati?

Ramana Maharshi: L’abitudine è solo l’adattamento all’ambiente. È la mente che conta. Il fatto è che la mente è stata allenata a pensare certi cibi gustosi e buoni. Il materiale alimentare deve essere consumato ugualmente bene sia nella dieta vegetariana che in quella non vegetariana. Ma la mente desidera il cibo a cui è abituata e considera gustoso.

Sig.ra Piggott – Devota: Ci sono restrizioni per l’uomo realizzato e illuminato in un modo simile?

Ramana Maharshi: No. È fermo e non influenzato dal cibo che mangia.

Sig.ra Piggott – Devota: non è uccidere la vita per preparare una dieta a base di carne?

Ramana Maharshi: Ahimsa è al primo posto nel codice di disciplina per gli yogi.

Sig.ra Piggott – Devota: Anche le piante hanno vita.

Ramana Maharshi: Così anche le lastre su cui ti siedi hanno vita!

Sig.ra Piggott – Devota: Possiamo abituarci gradualmente al cibo vegetariano?

Ramana Maharshi: Sì. Questo è il modo.

In conclusione, si può affermare con certezza che il vegetarianismo è benefico per coloro che seguono un percorso spirituale nelle condizioni del mondo moderno, e specialmente per coloro che aspirano a seguire il percorso del Maharshi.

La spiritualità non è vivere la propria vita secondo i propri capricci e fantasie. La vera e completa spiritualità consiste nel seguire gli insegnamenti di Ramana Maharshi e di tutti gli altri santi illuminati evitando di mangiare carne e altri cibi non vegetariani.

Ramana Maharshi afferma chiaramente che Ahimsa (non violenza) è al primo posto nel codice di disciplina per i veri yogi. Non solo Ramana Mahrashi, ma ogni scrittura e ogni santo hanno insegnato lo stesso. Ecco alcuni degli insegnamenti tratti dalle scritture di ogni religione e dai grandi santi del mondo:

Bibbia –

E a ogni bestia della terra, e a ogni uccello del cielo, e a tutto ciò che striscia sulla terra, a tutto ciò che ha alito di vita, ho dato in cibo ogni pianta verde». — ( Genesi 1:30 )

“Beati i misericordiosi perché sarà loro mostrata misericordia” – Nuovo Testamento

Bhagavad Gita –

Mi è caro colui che non è invidioso ma che è un amico gentile con tutti gli esseri viventi – (Signore Krishna)

Corano –

“Non è la loro carne né il loro sangue che giunge ad Allah; è la tua pietà che lo raggiunge». (22.37)

“Mostra misericordia a tutti gli esseri viventi come la misericordia e l’amore mostrati a te dal Signore” – (Parole di Maometto.)

buddismo

Diventare vegetariani significa entrare nella corrente che porta al nirvana.

Manu-Samhita:

“Chi permette l’uccisione di un animale, chi lo fa a pezzi, chi lo uccide, chi compra o vende carne, chi lo cucina, chi lo serve e chi lo mangia, devono essere tutti considerati come gli assassini dell’animale. Non c’è peccatore più grande di quell’uomo che, pur non adorando gli dei o gli antenati, cerca di aumentare la mole della propria carne con la carne di altri esseri. (Manu-samhita 5.51-52)

“Non uccidendo alcun essere vivente, si diventa idonei alla salvezza”. (Manu-samhita 6.60)

San Vallalar

Anche se uno ha il potere di riportare in vita un morto, ma se mangia carne allora non potrà mai essere un Jnani – Illuminato – Liberato. Non otterrà mai la grazia del signore e la sua vita sarà determinata dal suo destino e non attraverserà mai il ciclo di nascita e morte. La persona che evita di mangiare carne e ha compassione per ogni forma di vita sarà idonea a ricevere la grazia divina. Vallalar ha chiaramente avvertito che uno dei peggiori peccati da commettere è “mettere un uccello in una gabbia”.

Ogni santo illuminato poneva una grande enfasi sull’essere vegetariani. Hanno sempre insegnato che Dio è la personificazione della grazia e della misericordia. Il percorso della compassione e della misericordia è l’unico percorso verso la spiritualità e Dio. L’onnipotente esiste nell’anima di ogni essere vivente e non dobbiamo mai causare dolore direttamente o indirettamente a nessuna vita.

Non possiamo andare avanti nel nostro viaggio spirituale se mangiamo carne o partecipiamo all’uccisione di qualsiasi essere vivente, direttamente o indirettamente. Questa è la dura e amara verità. Se consumi carne, la spiritualità sarà solo cosmetica, ornamentale e superficiale. Non sarà mai reale. Come possiamo uccidere ed estinguere la vita e percorrere il sentiero della spiritualità?

Dov’è l’amore, la gentilezza, l’affetto e la cura dell’essere umano per una vita o un’anima se facciamo del male o uccidiamo una vita per soddisfare i nostri sensi del gusto e giustificare l’uccisione con argomenti ingiustificati di scienza e stupidità. Non mostriamo misericordia a queste anime e tuttavia chiediamo a Dio misericordia per noi stessi. Se non mostriamo misericordia a queste vite animali e rimaniamo ignoranti, allora come possiamo aspettarci misericordia per noi stessi dall’Onnipotente?

Il vegetarianismo è una dieta e uno stile di vita nobile e compassionevole perché implica il consumo di cibo contenente la minor quantità di distruzione della vita. Le persone che parlano di amore e di spiritualità devono adottare un percorso di non violenza verso tutti gli esseri viventi.

Ricorda sempre che siamo tutti responsabili delle nostre azioni. Quindi, miei cari amici, abbandonate gentilmente le vostre qualità disumane e cercate onestamente di fare un tentativo di diventare vegetariani per prendere la strada giusta verso l’umanità, la spiritualità e l’illuminazione in questa vita.

Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *