La vera storia di Arunachala e la sua manifestazione

 2,732 Total Views, Today's Views 2 

Una delle destinazioni più ambite al mondo nella categoria del turismo spirituale, Arunachala Hill sostiene una venerazione unica verso milioni di visitatori e devoti da tutto il mondo. Da tempi molto antichi la collina di Arunachala è stata chiamata con vari altri nomi, come Arunagiri, Annamalai Hill, Arunachalam, Arunai, Sonagiri e Sonachalam.

Ma il nome più popolare e ampiamente accettato per la collina è Arunachala ed è qui che lo stesso Lord Shiva risiede sulla terra sotto forma di Arunachala Hill e benedice ogni essere vivente che viene alla ricerca della salvezza e alla ricerca della verità del “sé”.

Il significato per Arunachala è – “Aruna” significa rosso e luminoso come il fuoco che significa Agni (uno dei cinque elementi) che brucia il proprio ego e dà saggezza e illumina l’anima. “Achala” significa la collina. Così, Aruna – Achala combinato è “Arunachala” significa “Collina della Saggezza” o Collina di Jnana – Collina dell’Illuminazione.

La verità dietro la manifestazione di Arunachala

Secondo l’Arunachala Puran tratto da molte parti dei Veda e dei purana associati alla collina di Arunachala, essi descrivono che si verificò una disputa tra Brahma il creatore e Vishnu il conservatore, su chi tra loro era il dio superiore. Secondo i Veda ci sono 5 funzionalità divine conosciute anche come “Panchakritya karma” o Panchakritya karma “e sono:

1) Srishti o Creazione sarebbe stata eseguita da Brahma

2) Sthithi o protezione sarebbe eseguita da Vishnu

3) Laya o distruzione sarebbe stata eseguita da Rudra

4) il quarto compito, vale a dire. Tirobhav sarà eseguito da Mahesa (dopo la distruzione milioni di anime saranno protette, il che è occultamento e risveglio)

  1. Sadha Shiva darà ‘Anugraha’ (Providing Salvation) che è finalmente il compito più significativo di Anugraha che è l’esclusiva dispensazione di Se stesso. (Nota: in questa storia Rudra il distruttore o Mahesa responsabile di Tirubhav non sono coinvolti) In questo Intensità della loro battaglia dell’ego, sia Brahma che Vishnu dimenticarono le loro dovute responsabilità e in quel processo dimenticarono il potere santo e supremo e furono sopraffatti nel loro ego su chi tra loro fosse più alto e potente.

Lord Shiva, nel tentativo di arbitrare la loro discordia e farli tornare in sé, dichiarò che, “Colui tra voi, che trova l’inizio o la fine di questa mia luce sarà considerato, ora e per sempre, il vostro superiore Due.”

Dicendo questo, il Signore Shiva assunse la forma di una luce fiammeggiante (alcuni dicono che la luce fosse in una forma Lingam – chiamata anche sthanu o Lingodbhavamurti) e li sfidò entrambi chiedendo loro di raggiungere la fonte della luce in qualsiasi punto della fine.

Sia Brahma che Vishnu pieni di ego erano sicuri di poter trovare facilmente la fonte della luce e quindi il Signore Brahma prese la forma di un cigno e salì verso l’alto mentre il Signore Vishnu assunse la forma di un cinghiale (chiamato anche Varaha) e andò sotto terra per trovare la fine della sorgente di luce. Entrambi cercarono per migliaia di miglia ma nessuno dei due riuscì a trovare la fine. Fu allora che Vishnu ammise il suo fallimento e si rivolse al Signore Shiva in lode e preghiera: “Tu sei la conoscenza di sé. Sei OM. Sei l’inizio, la metà e la fine di tutto. Sei tutto e illumini tutto. “

D’altra parte Brahma nel suo viaggio verso l’alto divenne esausto e sconcertato dalla sua ricerca per trovare la fonte finale della luce ardente.Brahma si imbatté in un fiore di Ketaki ((vite di pino – pandanus odoratissimus) e poiché non riuscì a trovare l’estremità più alta fonte della luce ardente, Brahma decise di riportare il fiore a Vishnu come testimone che aveva raggiunto e trovato la fonte della luce. Accompagnato dal suo complice Ketaki, Brahma affrontò Vishnu e affermò di aver effettivamente scoperto l’origine del luce cosmica.

Questo fece infuriare Lord Shiva ea questo punto, la parte centrale della luce ardente si spaccò e Lord Shiva si rivelò nella sua piena gloria.

Dopo aver sentito questa menzogna, il Signore Shiva dichiarò che d’ora in poi il Signore Brahma non sarebbe mai stato adorato in nessun tempio, e il fiore Ketaki (vite pino pandanus odoratissimus) non sarebbe stato usato in nessuna adorazione.

Su richiesta degli dei, Vishnu e Brahma, Shiva si è manifestato come Arunachala Hill sulla terra per benedire tutti coloro che cercano la verità del “sé” supremo. Si dice che Lord Shiva si sia prima manifestato come una colonna di luce e poi abbia preso la forma di Arunachala Hill.

In Skanda Puran, Lord Shiva dichiara: “Io dimoro veramente qui sulla terra sotto forma di questa montagna chiamata Aruncahala, per aver conferito il raggiungimento della liberazione”. “Tutte le Jiva vivono, si muovono e hanno il loro essere in Me. Sono latente in te proprio come il fuoco nel legno, il burro chiarificato nel latte e così via. Non puoi percepire tale latenza con l’aiuto dei tuoi sensi o imparando dai libri o dagli studiosi. Ma puoi conoscermi solo meditando solo su di me. Ora sono qui come collina di Arunachala e anche come Lingam.

“La luna riceve la sua luce dal sole e allo stesso modo tutti gli altri luoghi santi d’ora in poi riceveranno la loro santità da Arunachala. Questo è l’unico posto in cui ho assunto questa forma a beneficio di quelle persone che desiderano adorarmi e ottenere illuminazione. Arunachala è Omkara-swarupa o AUM stesso. Apparirò in cima a questa collina ogni anno nel giorno di Karthikai Deepam. Coloro che vedono quella fiamma e meditano su di essa realizzeranno in se stessi la “Grande Fiamma” o il “Sé Luminoso”. “

In questa storia, Vishnu rappresenta l’intelletto e Brahma l’ego, mentre Shiva è Atma, lo spirito. L’ego e l’intelletto realizzano la futilità di conoscere l’Atman perché quest’ultimo è al di là dei sensi e trascende sia l’ego che l’intelletto. L’ego e l’intelletto si arrendono quindi completamente all’Atman e ottengono l’illuminazione (conoscenza di sé). Ciò si riferisce non solo alla santità dello stesso Arunachala, ma anche alla preminenza della dottrina dell’Advaita e al percorso di autoindagine di cui Arunachala è il centro. Si può capire questo significato nel detto di Bhagavan Ramana Maharshi “Alla fine tutti devono venire ad Arunachala”.

La collina di Arunachala è un imponente punto di riferimento con un’altezza di piedi 2634. I geologi affermano che le rocce della montagna sono vecchie quasi quanto la Terra stessa. Come i fiori attirano le api, Arunachala ha attirato mistici, maestri, yogi, cercatori di verità ed esseri illuminati da tempo immemorabile.

Le prove raccolte dagli studi geologici effettuati a Tiruvannamalai durante gli anni ’70 rivelano la formazione della charnockite e dei relativi assemblaggi di rocce più vecchi di 300-350 milioni di anni. Le catene montuose famose in tutto il mondo come le Alpi, le Montagne Rocciose, le Ande, l’Himalaya e gli Appalachi contengono alte vette ad altitudini molto elevate, ma geo-cronologicamente non rientrano nel periodo Archaeon e appartengono a età più giovani. Lo sconvolgimento dell’Himalaya non è stato un processo continuo ma si è svolto in quattro fasi. Le catene himalayane hanno meno di 50 milioni di anni, mentre lo sconvolgimento è stato in un’unica fase per la collina sacra di Arunachala e ha 300-350 milioni di anni.

Secondo uno studio geologico dei continenti, sembrava che un tempo i continenti fossero un’enorme massa di terra, parte di un antico super continente Pangea. Nel corso del tempo questa enorme massa di terra si è frantumata in frammenti che hanno cominciato ad andare alla deriva, formando i continenti attuali. Alcuni continenti (Sud America e Africa, Africa e India con il Madagascar in mezzo; India e Australia; e l’Antartide) ora molto distanti sembrano adattarsi insieme se uniti. Allo stesso modo, uno studio delle posizioni dei poli magnetici misurati dalle rocce in due continenti indicava il movimento relativo tra i due continenti.

Anche le strutture geologiche e la formazione di rocce, in particolare la charnockite, sembrano adattarsi perfettamente come un’unica massa quando questi continenti vengono messi insieme. La distribuzione di una certa flora e fauna appartenenti alla Terra del Gondwana – supercontinente Pangea, che è la convergenza dei movimenti dei continenti circa 350 milioni di anni fa.

La sezione di terra da Tiruvannamalai verso Villupuram contiene vari stadi di migmatizzazione della charnockite (di Tiruvannamalai è di 2,55 miliardi di anni) e dei membri associati che culminano nella formazione del Gingee pluton (2,5 miliardi di anni). Le prove raccolte dagli studi geologici effettuati a Tiruvannamalai negli anni ’70 gettano luce sulla formazione della charnockite e sui relativi assemblaggi di rocce più vecchie di 3000-3500 milioni di anni. La formazione rocciosa in questa sezione, come spiegato nel processo di migmatizzazione della charnockite e delle rocce associate in fasi, è culminata nell’evoluzione del Gingee Pluton costituito da una composizione granitica.

Questa massa rocciosa di granito può essere fatta risalire alla prima epoca della storia della crosta del nostro pianeta, quell’epoca che ha preceduto di molto le vaste formazioni sedimentarie in cui sono state conservate testimonianze fossili di piante e animali. Esisteva molto prima che i giganteschi sauri del mondo preistorico spostassero le loro forme sgraziate attraverso la foresta primordiale che copriva la nostra terra primordiale. Fu contemporaneo alla formazione della stessa crosta terrestre.

Dalle deduzioni di cui sopra, è chiaro che la sacra collina di Arunachala è più antica dell’Himalaya (monte Everest o Kailash) e quindi il più antico santuario naturale del mondo. E così, Manickavasagar, uno degli antichi 63 santi Tamil, saluta il Signore Arunachala come “più vecchio del più antico” e “più tardi del più recente”.

Arunachala è l’incarnazione fisica di Sat, la realtà e quindi avere contatto con essa in qualsiasi modo è Satsang. Ramana Maharshi diceva che i benefici che possono essere ottenuti dalla meditazione e da varie altre forme di controllo mentale solo dopo grandi lotte e sforzi saranno ottenuti senza sforzo da coloro che girano intorno alla collina e che il potere di Arunachala è tale che anche se si fa Pradakshina / Parikrama / Girivalam (eseguire la circumambulazione del percorso di 14 km intorno ad Arunachala) senza fede, avrà comunque il suo effetto e sicuramente purificherà la mente.

Poiché Arunachala è il Fuoco della Conoscenza (Jnana Agni) nella forma di una Collina, le tendenze uscenti (vasana) della mente vengono automaticamente bruciate quando ci si aggira. Quando la legna umida viene avvicinata al fuoco, si asciugherà gradualmente e ad un certo punto prenderà fuoco essa stessa. Allo stesso modo, quando la mente che è intrisa di tendenze mondane gira intorno alla collina, le tendenze gradualmente si prosciugheranno e ad un certo punto la mente diventerà pronta ad essere bruciata dal fuoco di jnana. Ramana Maharishi ha detto: “Questa collina è il magazzino di tutto il potere spirituale. Andare intorno ad Arunachala ti avvantaggia in tutti i modi ”Questa è l’importanza di fare pradakshina / Girivalam / circumambulazione intorno alla montagna di Arunachala.

Arunachala Mahatmyam dice:

“Vedendo Chidambaram, nascendo a Tiruvarur, morendo a Kasi, o semplicemente pensando ad Arunachala, si otterrà sicuramente la Liberazione.”

Un altro verso dell’Arunachala Mahatmyam, tradotto dal sanscrito al tamil da Sri Ramana Maharshi dice: “Arunachala è veramente il luogo più sacro. Di tutti i luoghi santi, è il più sacro! Sappi che è il cuore del mondo. È veramente Shiva in persona! È la sua dimora del cuore, un kshetra segreto. In quel luogo il Signore dimora sempre sulla collina di luce chiamata Arunachala.

Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *