Tutto accade secondo Karma & Destiny: il libero arbitrio è solo l’ego: ignoranza e arroganza

 3,432 Total Views, Today's Views 3 

Le parole più famose di Bhagavan Ramana Maharshi spiegano chiaramente la verità sul destino e sul karma. Quando la madre di Ramana Maharshi venne a Tiruvannamalai per persuadere Ramana a tornare a casa con lei, Ramana Maharshi scrisse in un pezzo di carta e glielo diede.

“In accordo con il Prarabdha (Karma – destino) di ogni persona, l’Ordinatore(Dio) controlla il destino delle anime in accordo con le loro azioni passate. Qualunque cosa sia destinata a non accadere non accadrà, per quanto ci provi. Qualunque cosa sia destinata ad accadere accadrà, per quanto tu possa provare a fermarla.

Il dibattito tra il libero arbitrio e il destino avviene per ignoranza. Secondo Ramana Maharishi- “L’unica libertà che l’uomo ha è quella di lottare e acquisire jnana” (conoscenza). Attraverso la conoscenza arriva il libero arbitrio. Hai la libertà di accettare il tuo destino (prarabdha) o di lottare con esso, portando a ulteriori complicazioni.

Le persone cercano sempre di “cambiare” il loro destino. Attraverso la conoscenza, ti rendi conto di avere il libero arbitrio di “creare” il tuo destino. La tua scelta di risposta decide il risultato delle tue azioni. Ad esempio, quando assecondi il tuo ego o ti arrendi all’avidità e all’ambizione, incorri in debiti. Ma quando soffri silenziosamente le tue disgrazie e adempia i tuoi doveri in modo distaccato, cancelli i tuoi debiti dal bagaglio passato.

Per creare un buon destino per te stesso devi fare azioni che ti faranno guadagnare equità, azioni come adorazione e carità.

Questo è l’unico privilegio che un essere umano può avere per “creare” il proprio destino. Non bisogna identificarsi con le proprie azioni ed eseguire le proprie azioni, i propri doveri e responsabilità in modo distaccato senza alcun attaccamento per il mondo. Quando esegui azioni senza identificarti (ego o arroganza) con esse, non incorri in alcun karma.

Semplicemente lavi via il tuo karma passato e una volta che hai ripulito il tuo bagaglio karmico sei liberato da questo ciclo di nascita e morte. Il gioco del Samsara (illusioni mondane / maya, attaccamenti, schiavitù) non ti inviterà più. Sei permanentemente liberato.

Bhagavan Ramana Maharshi ha accettato la validità delle leggi del Karma ma ha detto che erano applicabili solo fintanto che una persona immaginava di essere separata dal Sé e ignorava la verità (sé). Ramana ha detto che gli individui passeranno attraverso una serie di attività ed esperienze preordinate, che sono tutte conseguenze di azioni e pensieri precedenti.

Ha detto che ogni atto ed esperienza nella vita di una persona è determinata alla nascita e che l’unica libertà che si ha è rendersi conto che nessuno agisce e nessuno sperimenta. Tuttavia, una volta che si realizza il Sé, non rimane più nessuno a sperimentare le conseguenze delle azioni e quindi l’intera struttura delle leggi karmiche diventa ridondante.

Ramana Maharshi ha chiarito che se l’agente da cui dipende il Karma, vale a dire l’ego, che sussiste tra il corpo e il Sé, si fonde nella sua fonte e perde la sua forma, come può sopravvivere il Karma che dipende da esso? Dice che quando non c’è “io” non c’è karma.

L’essenza del Karma è conoscere la verità di se stessi chiedendo “Chi sono io?” “Chi inizia a fare karma?” A meno che l’autore del karma, l’ego viene annientato dall’indagine, la pace perfetta della suprema beatitudine che è il risultato del karma yoga non può essere raggiunta.

Alla domanda di un devoto “Esiste qualcosa come il libero arbitrio? Ramana Maharshi chiede: di chi è la volontà? Finché c’è il senso del perfomer, c’è il senso del godimento illusorio e della volontà individuale.

Ma se questo senso viene perso attraverso la pratica dell’autoindagine (Vichara) e si diventa auto-realizzati, allora il divino agirà e guiderà il corso degli eventi. Chiarisce che il libero arbitrio tiene il campo solo in associazione con l’individualità. Finché dura l’individualità c’è il libero arbitrio.

Tutte le scritture si basano su questa idea e quindi ci consigliano di dirigere il libero arbitrio verso obiettivi giusti. “Il destino è il risultato di azioni passate. Riguarda il corpo. Lascia che il corpo agisca come gli si addice. Perché te ne preoccupi? Perché gli presti attenzione? Se succede qualcosa, succede come risultato di azioni passate della volontà divina e di altri fattori ”.

Ramana Maharshi dice che ci sono solo due modi per conquistare il destino o esserne indipendenti. Uno è chiedere a chi è destinato questo destino e scoprire che solo l’ego è vincolato dal destino e non il Sé e che l’ego è inesistente.

“L’altro modo è uccidere l’ego è arrendersi completamente al Signore, rendendosi conto della propria impotenza e dicendo tutto il tempo, ‘Non io ma tu, o Signore’ e abbandonando ogni senso di” io “e” mio “e lascia che Dio faccia quello che vuole con te.

La resa non può mai essere considerata completa fintanto che il devoto vuole questo o quello dal Signore. La vera resa è amore di Dio per amore e nient’altro, nemmeno per amore della liberazione. In altre parole, la completa eliminazione dell’ego è necessaria per conquistare il destino. È irrilevante se si ottiene questa cancellazione attraverso Jnana Marga – autoindagine o attraverso Bhakti Marga – percorso di devozione “.

Ramana Maharshi dice che un uomo potrebbe aver eseguito molti karma nelle sue nascite precedenti e di conseguenza le sue nascite presenti e future sono decise. Solo alcuni di questi saranno scelti per questa nascita e dovrà godere dei loro frutti in questa nascita e negli altri karma che potrebbe sperimentare nelle sue nascite future. Tutto questo Karma può essere distrutto acquisendo la conoscenza del Sé.

Esistono principalmente tre tipi di karma.

1) Sanchita Karma. I debiti karmici accumulati dalle nascite precedenti.

2) Prarabdha Karma. Quella parte del proprio Sanchita Karma che deve essere elaborata nella vita presente. Poiché la legge del Karma implica il determinismo nelle attività umane, Prarabdha è spesso tradotto come destino.

3) Agami Karma. Nuovo Karma accumulato nella vita presente che viene portato avanti nelle vite future.

Ramana Maharshi considerava la legge del Karma come una manifestazione della volontà di Dio. Ha detto che prima della realizzazione del Sé c’è un Dio personale, Iswara, che controlla il destino di ogni persona. È Iswara (Dio) che ha ordinato che tutti debbano subire le conseguenze delle sue azioni ed è Iswara (Dio) che seleziona le sequenze di attività che ogni persona deve sottoporsi in ogni vita. Non si può sfuggire alla giurisdizione di Iswara mentre ci si identifica ancora con le attività del corpo.

Gli individui devono subire i loro karma, ma Iswara (Dio) riesce a trarre il meglio dai loro karma per il suo scopo. Dio manipola i frutti del Karma ma non li aggiunge né li toglie. Il subconscio di un essere umano è un magazzino di karma buono e cattivo. Iswara (Dio) sceglie da questo magazzino ciò che vede che meglio si adatta all’evoluzione spirituale di ogni essere umano, sia esso piacevole o doloroso. Quindi non c’è niente di arbitrario. Dio è colui che distribuisce i frutti delle azioni ad ogni persona secondo il suo Karma.

Il karma o il destino possono essere posti fine solo indagando su “CHI SONO IO” e realizzando il sé. Anche se facciamo Japa, Meditazione o Yoga, se la sensazione ‘Sto facendo Japa’ è presente, allora il male le azioni commesse da un essere umano continueranno ad attenersi a lui.

Quindi, finché c’è la sensazione di “sto facendo”, si deve sperimentare il risultato delle proprie azioni, che siano buone o cattive che siano. Com’è possibile cancellare un atto con un altro? Quando la sensazione che “sto facendo” è persa, nulla ti influenzerà. A meno che non si realizzi il Sé, la sensazione che “sto facendo” non svanirà mai. Per una persona che realizza il Sé, dov’è il bisogno del Japa? Dov’è il bisogno di Tapas (austerità)?

È vero che non siamo vincolati. Vale a dire, il vero Sé non ha legami ed è vero che alla fine tornerai alla tua fonte. Ma nel frattempo, se commetti peccati, devi affrontarne le conseguenze. Non puoi sfuggirgli. Se un uomo ti picchia, puoi dire: “Sono libero. Non sono influenzato dal pestaggio e non provo dolore. Lascia che continui a picchiarmi ”. Se riesci davvero a sentire il dolore, puoi fare quello che ti piace, ma a che serve dire semplicemente a parole che sei libero?

La risposta scritta di Bhagavan a sua madre afferma chiaramente la fede di Ramana sul destino: “L’Ordinatore (Dio) controlla il destino delle anime in conformità con il loro prarabdha karma (destino da elaborare in questa vita, risultante dal bilancio delle azioni nelle vite passate). Qualunque cosa sia destinata a non accadere non accadrà, per quanto tu possa provare a farlo accadere. Qualunque cosa sia destinata ad accadere accadrà, per quanto tu possa provare a fermarla.

Tutte le attività del corpo e le azioni sono predeterminate dal momento in cui nasciamo. Non spetta a te accettarli o rifiutarli. L’unica libertà che hai è rivolgere la mente verso l’interno e rinunciare alle attività lì. Ramana Maharshi ha sempre sostenuto che tutto è predeterminato. Perché il corpo viene all’esistenza? È progettato per le varie cose che sono segnate per questo in questa vita. Quanto alla libertà e al libero arbitrio, un uomo è sempre libero di non identificarsi con il corpo e di non essere influenzato dai piaceri e dai dolori conseguenti alle sue attività.

Scopri chi è colui che ha il libero arbitrio o la predestinazione e dimora in quello stato. Allora entrambi vengono trascesi. Scoprilo e sii in pace. L’unico percorso di karma (azione), bhakti (devozione), yoga e jnana (conoscenza) è chiedere chi ha questo karma? chi sono ? Attraverso questa indagine, l’ego scompare e lo stato di dimora nel Sé, in cui nessuna di queste qualità negative è mai esistita e rimane solo la verità.
Finché un uomo è l’agente, raccoglie anche i frutti delle sue azioni, ma non appena realizza il Sé attraverso l’indagine su chi sia l’agente, il suo senso di essere l’agente svanisce e tutti i tre tipi di karma ( destino) è finito.

Questo è lo stato di eterna liberazione. Ci sono solo due modi per conquistare il destino o esserne indipendenti. Uno è indagare chi subisce questo destino e scoprire che solo l’ego è vincolato da esso e non il Sé e che l’ego è inesistente.

L’altro modo è uccidere l’ego arrendendosi completamente al Signore, realizzando la propria impotenza e dicendo tutto il tempo: “Non io, ma tu, oh, mio ​​Signore”, e rinunciando a ogni senso di “io” e “mio”. ‘e lascia che Dio faccia quello che vuole con te. La resa non può mai essere considerata completa fintanto che il devoto vuole questo o quello dal Signore.

La vera resa è amore di Dio per amore e per nient’altro, nemmeno per amore della salvezza.

Se questa resa è completa, allora la grazia di Arunachala o di un Jnani vivente: l’anima illuminata può aiutare la mente a fondersi con l’Hrudayam (cuore destro) e sfuggire a tutto il karma delle nascite passate e anche sfuggire alla catena delle rinascite in futuro.

Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *