Potenza e significato spirituale del monte Arunachala

 3,321 Total Views, Today's Views 11 

Tiruvannamalai è una piccola città situata nello stato del Tamil Nadu, in India, dove esiste il più grande tesoro spirituale del mondo e la risposta alla domanda: chi sono io? SÌ ! È il sacro Monte Arunachala (Arunachala Hill) – La Montagna della conoscenza e del fuoco / luce.

Nel corso dei secoli molti santi e Jnani hanno visitato Arunachala e hanno scritto sul potere di Arunachala di distruggere l’ego e realizzare la vera natura del sé, liberandoci così da maya (illusioni) del mondo. Arunachala può essere conosciuto da chiunque rinuncia all’attaccamento e ai sensi del corpo.

Molti santi e Jnani riconoscono Arunachala come il supremo jnana-Guru che può benedirti per fondere la tua mente (pensieri) nel tuo hrudayam (cuore), ma questo fatto ha ricevuto la sua conferma più sorprendente da Bhagavan Ramana Maharshi.

Arunachala è uno dei cinque elementi naturali o manifestazione dei cinque elementi primari della natura. I cinque elementi della natura sono:

1) Terra

2) acqua

3) aria

4) cielo

5) fuoco.

Arunachala rappresenta il fuoco. Arunachala Shiva è pura coscienza e rappresentata dall’elemento fuoco. Per indicare l’elemento fuoco, un enorme fuoco (noto anche come Deepam) viene acceso ogni anno in cima alla montagna Arunachala nel mese tamil di Karthigai che di solito cade a novembre o dicembre. In questa occasione alle 18.00 (18.00) viene accesa una luce di burro chiarificato (ghee) che brucia fino a quando il ghee è finito e brucia anche durante la notte.Ogni anno l’evento Deepam è frequentato da oltre 1 milione di pellegrini e devoti da tutto il mondo in un solo giorno.

Nella canzone Aksharamanamalai scritta da Ramana, il Bagavan dice chiaramente che Arunachala brilla come la forma del Guru per illuminarci e nello stesso verso il Bhagavan afferma anche che il dovere del vero Guru è quello di distruggere tutti i nostri difetti – principalmente l’ego e concederci tutte le buone qualità e governare il “sé”.

Bhagavan Ramana Maharshi ha spiegato molte scritture indù sul potere e la verità di Arunachala. In uno dei versi Lord Shiva dice:

La mia apparizione qui come collina è un atto di grazia per il mantenimento del mondo. Io risiedo qui anche come Siddha. Dentro di me ci sono molte grotte gloriose piene di tutti i tipi di godimento. Sappiate questo. L’azione lega naturalmente il mondo intero. La fuga dagli attaccamenti al mondo e dalla sua maya può essere raggiunta arrendendosi ad Arunachala. Ciò che non può essere acquisito con grandi dolori può essere raggiunto da chiunque guardi questa collina da dove è visibile o anche solo mentalmente la pensi da lontano”. Io, il Signore, ordino che coloro che risiedono entro un raggio di tre yojanas (24 miglia) da Arunachala raggiungano l’unione con il Supremo che rimuove la schiavitù anche in assenza di qualsiasi iniziazione”.

Il dottor T. N. Krishnaswamy, un devoto di Ramana Maharishi, afferma che Bhagavan una volta gli disse che l’intera collina è sacra. È lo stesso Shiva. Proprio come ci identifichiamo con un corpo, così Shiva ha scelto di identificarsi con la sua collina. Arunachala è pura saggezza (jnana) sotto forma di collina. È per compassione verso coloro che la cercano che ha scelto di rivelarsi sotto forma di una collina visibile all’occhio umano. Il cercatore otterrà guida e conforto rimanendo vicino a questa collina e meditando su di lei.

La storia e l’origine del Monte Arunachala dimostrano l’immenso potere di Arunachala e come le benedizioni di Arunachala possono porre fine al nostro dolore e alle nostre sofferenze nella vita umana che è coperta di ego e maya (illusione)

Sconfiggendo l’ego di Brahma e Vishnu che litigavano a causa del loro ego, Arunachala Shiva apparve davanti a loro sotto forma di fuoco e distrusse il loro ego, insegnando loro la vera conoscenza che Arunachala Shiva è il dio illimitato e infinito che esiste in ogni anima vivente. Arunachala è il creatore e il distruttore di tutto in questo mondo.

Ramana Maharshi rivela anche che Arunachala istruisce in silenzio (verso 36) e insegna il sentiero dell’autoindagine (verso 44); e ci mostra il modo di pregare Arunachala di conferire jnana (verso 40) per rivelare il Sé come realtà (verso 43) e per farci rinunciare all’attaccamento al corpo (verso 75).

Quando la dea Parvati pregò il Signore Shiva di raggiungere uno stato in cui non poteva sbagliare, Shiva la indirizzò ad Arunachala, dove la dea Parvati si fuse con Arunachala e per la dea Parvati Arunachala era il luogo in cui perse la sua individualità e divenne tutt’uno con Arunachala Shiva. Quindi il Signore Shiva è il Guru supremo del Signore Brahma e del Signore Vishnu nella forma di Arunachala, Arunachala non è dualista: Shiva e Shakti sono uno e uniti in Arunachala.

Lord Shiva in Skanda Maha Purana dice:

“Io dimoro veramente qui sulla terra nella forma del nome Aruncahala per conferire il raggiungimento della liberazione.”

Arunachala attira milioni di persone che sono sinceri ricercatori della conoscenza spirituale perché la manifestazione del fuoco è una conoscenza simbolica che dissipa l’oscurità dell’ignoranza e dell’arroganza causata dall’ego umano.C’è un’energia e una vibrazione spirituali in Arunachala ed è considerata l’unica luogo per imparare e seguire il percorso dell’Advaita (non dualità) per coloro che desiderano vedere l’onnipotente nel sé e sfuggire alla rete di legami e attaccamenti al mondo causati da Maya (Illusione della mente)

Arunachala non è una collina ordinaria. È spiritualità in sé. Ha una potente attrazione magnetica verso il Sé. I cercatori che vengono ad Arunachala con l’intenzione di realizzare il Sé saranno definitivamente liberati.

In questa leggenda, Vishnu rappresenta l’intelletto e Brahma l’ego, mentre Shiva è Atma, lo spirito. L’ego e l’intelletto realizzano la futilità di conoscere l’Atman perché quest’ultimo è al di là dei sensi e trascende sia l’ego che l’intelletto. L’ego e l’intelletto, quindi, si arrendono completamente all’Atman e ottengono l’illuminazione (conoscenza di sé). Ciò si riferisce non solo alla santità dello stesso Arunachala, ma anche alla preminenza della dottrina dell’Advaita e al percorso di autoindagine di cui Arunachala è il centro. Si può capire questo significato in Bhagavan Ramana Maharshi dicendo: “Alla fine tutti devono venire ad Arunachala”.

C’è acqua ovunque sotto terra, ma ci sono alcuni punti dove è più facile prendere l’acqua. Allo stesso modo, il Sé è ovunque e non c’è posto che sia senza di esso. Tuttavia è anche vero che ci sono alcuni luoghi come Arunachala e Jnani illuminato dove la presenza del Sé può essere percepita più facilmente.

Essendo vicino alla sacra collina di Arunachala, il Sé dentro di noi è più potente e più evidente che altrove.

Arunachala è più un luogo spirituale che religioso. C’è un’enorme quantità di energia spirituale ad Arunachala e possiamo prendere tutta la saggezza e l’energia che vogliamo, ma non importa quanta ne prendiamo, la quantità originale non viene mai diminuita. Anche prima che Bhagavan Ramana Maharshi venisse qui, c’erano innumerevoli saggi che scoprirono il potere di Arunachala nel liberarsi. Molti santi vennero ad Arunachala, realizzarono il Sé e attribuirono la loro realizzazione al potere e alla grazia della montagna.

Ramana Maharshi ha sempre detto che il potere di Arunachala non era solo una questione di fede. È un fatto e una verità. Ha detto che se ti siedi all’ombra di un albero, che tu creda o meno all’ombra, è un fatto fisico. Ha detto: “Se cammini intorno a questa collina abbastanza volte, ti darà la grazia, anche se non la vuoi”.

Bhagavan Ramana Maharshi era certo che Arunachala fosse l’asse spirituale della Terra.

Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *